Crea sito

Tre piramidi vicino a Milano come in Egitto

Piramidi di Montevecchia vicino a milano

Scoperte tre grosse piramidi come a Giza ma vicino Milano

Sono state scoperte dallArchitetto Vincenzo Di Gregorio grazie ad una osservazione satellitare. Si trovano nella Val Curone a circa 40 km da Milano, nei pressi di Lecco. Sono note come lePiramidi di Montevecchiae sono costituite da gradoni, raggiungono un’altezza che varia dai 40 ai 50 metri. Per scorgerle non è semplice, perché sono ricoperte interamente da vegetazione tanto da farle confondere con le colline intorno. Hanno l’aspetto di tre grandi colline che, per dimensioni e posizione, ricordano molto le Piramidi di Giza.

Si tratta in realtà di piramidi a gradoni in stile Maya. E sono orientate perfettamente ad est, con un’inclinazione di circa 44 gradi, e disposte ad imitazione delle tre stelle della Cintura d’Orione ovvero Alnitak, Alnilam e Mintaka, esattamente come quelle di Giza (Cheope, Chefren e Micerino) per disposizione e orientamento astronomico, pur non avendo le stesse dimensioni. Chiunque le abbia erette doveva avere senz’altro ottime conoscenze astronomiche.

La scoperta risale al 2001 e Di Gegorio non ha dubbi che si tratti di formazioni di origine artificiale. Modellate dall’uomo e realizzate grazie all’asportazione di centinaia di tonnellate di roccia. Per le misurazioni si è avvalso della collaborazione del professor Adriano Gaspani astrofisico e archeo-astronomo di fama internazionale con il quale è giunto alla conclusione che queste opere siano state utilizzate anche in epoca romana e celtica come santuari o luoghi di osservazione astronomica al fine di determinare i cicli lunari, delle stagioni e le eclissi. Oltretutto queste informazioni erano essenziali anche per le attività agricole di queste popolazioni antiche.

La datazione delle piramidi di Montevecchia è incerta ma si suppone che siano state costruite tra 3.000 e 10.000 anni fa.

Dall’Egitto all’Africa, dal Sud America all’Oriente, la figura della piramide sembra essere parte fondamentale della Storia dell’umanità. Forse è soltanto una scelta architettonica dettata da esigenze di ‘funzionalità’, o forse queste piramidi avevano qualche altra funzione che a oggi non è ancora stata scoperta.

E’ curioso che proprio in questi anni, per merito delle mappe satellitari più dettagliate, messe a disposizione di tutti grazie alla rete, continuino a sbucare piramidi in tutto il mondo. Il significato di queste gigantesche costruzioni sparse in tutto il pianeta, rimane ad oggi un affascinante mistero.

Localizzazione su mappa:

fonte: boorp.com

backtohome

Leave a Comment

Your email address will not be published.

*